DALL’IVA VIA VAI

iva

La Commissione europea lancia l’anatema: spostare il prelievo fiscale dalla produzione al consumo.

Il Governo fa di più, mette “clausole di salvaguardia” ai conti pubblici. Questa norma indica come riuscire, in modo automatico, a trovare ulteriori risorse fiscali se le casse pubbliche si scassano.

Vi ronza l’Iva per la testa?

Eggià, qui ci sta un problema. Anzi, tre!

Primo: aumentare l’Iva, quella tassa sulla spesa.

Fiuuuuuu, proprio quella spesa con la quale si fa la crescita.

Gulp!

Se devo spendere, un +1% di Iva fa – 1% di spesa che fa – 1% di crescita.

Se tanto mi da’ tanto, ci sarà pure meno da dover produrre, meno da lavorare, meno da guadagnare, meno tasse da prelevare, ancor meno spesa da fare; toh, anche meno Iva da incassare!

Bella no?

Secondo problema. Il prelievo fiscale diretto, tassando la capacità contributiva, tassa pure il reddito.

Lo tassa in maniera progressiva, lo dice la Costituzione: chi ha più, paga di più.

L’Iva invece, tassando la spesa, ribalta il principio. Paga di più chi ha una maggiore propensione alla spesa.

Essipperchè, tra tutti quelli che spendono ci sono quelli che spendono proporzionalmente di più.

Eggià, spendono tutto quelli che hanno poco denaro. A chi ne ha di più, per quanto volenteroso nello spendere,* resta in tasca il resto, risparmia.**

Et voilà, così chi ha di più sottrae reddito alla spesa e spesa alla crescita per non parlare dell’Iva risparmiata.

Terzo problema: la vendetta!

Ovvero il “paradosso della parsimonia”.

Quelli che hanno tenuti i soldi al pizzo sono pazzi. Con la crisi, di cui in parte sono responsabili, chi aveva meno avrà ancora meno, quelli che hanno tenuto il resto dovranno spenderlo per compensare le minori entrate.

Eggià, tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino.

*Magari avrà speso per lo yacht, non comprerà una mucca invece delle bistecche, nè la calzoleria invece delle scarpe.

**Angus Deaton, neo Nobel per l’economia, ha fissato in 70.000 $ la soglia oltre la quale ci si affranca dal bisogno, pure dalle passioni e dalle emozioni, nel fare la spesa.

Mauro Artibani

https://www.facebook.com/133670339996087/photos/a.1032884836741295.1073741825.133670339996087/1032884756741303/?type=1

 

http://audio.radio24.ilsole24ore.com/radio24_audio/2015/150506-versioneoscar.mp3

Annunci

Informazioni su professionalconsumer

Sono Mauro Artibani, l'economaio. studioso dell’Economia dei Consumi, quella che gli accademici non scorgono, le Facoltà di Economia non insegnano. Da 15 anni sviluppo una ricerca al cui centro abita il “Professional Consumer” che sbircia, indaga e intravvede le regole per un capitalismo tutto nuovo. Autore del libro: PROFESSIONE CONSUMATORE Paoletti D´Isidori Capponi, Marzo 2009 Autore del libro: LA DOMANDA COMANDA: VERSO IL CAPITALISMO DEI CONSUMATORI, BEN OLTRE LA CRISI Autore del DECALOGO DEL PROFESSIONAL CONSUMER Ho in corso la redazione del “SILLABARIO DELL’ECONOMIA DEI CONSUMI” testo che riallinea le voci dell’economia al nuovo paradigma della produzione.
Questa voce è stata pubblicata in consumo, crescita, economia, reddito, spesa e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a DALL’IVA VIA VAI

  1. Pingback: DALL’IVA VIA VAI | informationzero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...