LA DANNAZIONE DELL’AUSTERITA’

austerità

Ve lo giuro, non centro. Quando venni al mondo l’ Economia dei Consumi già aveva iniziato a mettere sotto stress le condizioni per fare la crescita, cambiando le carte in tavola.

Prima, per massimizzare l’impiego dei fattori produttivi, quel che veniva prodotto doveva essere interamente consumato.

“Costei” ratificò il precetto, non paga lo portò all’estremo.

Eggià, quando l’Impresa cominciò a produrre troppo remunerando poco, l’offerta superò la domanda. Questa, più impoverita che indispettita, si face renitente alla spesa. Prese i Consumatori li ficcò d’imperio tra quei fattori produttivi. Il costo, per garantirne l’esercizio, fu un altissimo debito, i ricavi ancor più alti. Così gli abitanti di ampie porzioni del mondo si incamminarono, per la prima volta, oltre il bisogno. Arrivati in quell’eden, vollero restarci.

Dovevano restarci perchè non esistono pasti gratis, e se la crescita si fa con la spesa, occorre intascarne i proventi per rifare altra spesa.

Un meccanismo perfetto, ancorchè perfido: ricchi per forza, magari a debito, per non impoverire.

Già, e qui arriviamo a bomba. Ai Greci insomma: “hanno speso sopra le loro possibilità”

Austerità, austerità per quei prodighi là!

Portati a giudizio da chi predica parsimonia, a chi fa debito pur di fare la spesa, inveendo ancorpiù contro la spesa in eccesso.

Un mix di moralismo, etica da salotto e tanta ipocrisia li condanna.

Orbene, spero lo sappiano quei guidici, come la temperanza in economia venga considerata “Peccato”.

Oh beh, lo sapevono eccome quando esportavano armi e bagagli ed ancora: moda, auto, champagne. Tutto insomma quel che avevano da vendere a chi, producendo poco o nulla, acquistava proprio quel “disdicevole” sovrappiù di merci altrui.

Sanno pure che, se invendute e reimportate, quelle merci si svalutano, svalutando la loro crescita.

Quella crescita che offre occasione irripetibile per ridurre il debito nel quale sono incastrati tutti, pure i giudici. Buona pure per creare quell’occupazione che a tutti manca e magari anche per poter garantire quel welfare, pubblico o privato che si voglia.

Mauro Artibani

https://www.facebook.com/133670339996087/photos/a.1032884836741295.1073741825.133670339996087/1032884756741303/?type=1

http://audio.radio24.ilsole24ore.com/radio24_audio/2015/150506-versioneoscar.mp3

Annunci

Informazioni su professionalconsumer

Sono Mauro Artibani, l'economaio. studioso dell’Economia dei Consumi, quella che gli accademici non scorgono, le Facoltà di Economia non insegnano. Da 15 anni sviluppo una ricerca al cui centro abita il “Professional Consumer” che sbircia, indaga e intravvede le regole per un capitalismo tutto nuovo. Autore del libro: PROFESSIONE CONSUMATORE Paoletti D´Isidori Capponi, Marzo 2009 Autore del libro: LA DOMANDA COMANDA: VERSO IL CAPITALISMO DEI CONSUMATORI, BEN OLTRE LA CRISI Autore del DECALOGO DEL PROFESSIONAL CONSUMER Ho in corso la redazione del “SILLABARIO DELL’ECONOMIA DEI CONSUMI” testo che riallinea le voci dell’economia al nuovo paradigma della produzione.
Questa voce è stata pubblicata in Austerità, crisi, Domanda, economia dei consumi e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...