DUE PRODUTTIVITA’ SONO MEGLIO DI UNA

2 meglio di 1

Dal 1990 sul mercato sono arrivati beni e servizi, per numero e volume, come mai visti prima.

Da allora* i redditi erogati dalle Imprese sono invece pressappoco gli stessi.

Gulp, da operatore economico dell’acquisto, come faccio a fare quel che mi spetta con il poco denaro che mi resta e, per non farmi dare del renitente alla spesa, come posso impiegare quel resto al meglio?

Così quando, per la prima volta dal 2009, Samsung Electronics congela ancora i salari trasalgo.

Eggià, a gennaio Samsung ha annunciato il primo calo dei suoi profitti annuali dal 2011. La risposta: stop agli aumenti salariali per quest’anno. A pesare sui conti Samsung sono la concorrenza di Apple e quella sui prezzi della cinese Xiaomi. Già nel 2009 il congelamento dei salari era stato deciso sulla scia della crisi finanziaria.

Di primo acchito rispondo di botto: Loro tagliano i costi, tagliando i redditi? Bene, Noi taglieremo le spese!

Una partita di giro, insomma e chi non ci mette ci rimette.

Quelli che sanno ribattono: ehi, ehi, attenzione! Questi tagliano il costo del lavoro, riducono pure i prezzi però.

Vero, li tagliano con gli aumenti di produttività. Sono loro, quelli della deflazione “buona”.

Già, e qua sta la seconda partita di giro.

Ummm, in tutto sto’ girare c’è puzza di raggiro.

Ci sono fette di innovazione nei prodotti dell’ high tech che aumentano la produttività riducendo i costi; c’è pure il vecchio che resta, ampiamente ammortizzato, che migliora i ricavi.

L’ultimo smart phone contiene il 30% di quell’ innovazione rispetto al penultimo e costa pure meno. C’e pure un qui pro quo però: non è un buon affare. Nell’ acquistare il nuovo 30%, riacquisto pure quel vecchio 70% che sta nel telefono che scarto: ad occhio e croce insomma ci rimette il mio potere d’acquisto e faccio una figura barbina. Cattiva la Domanda, pessimo uso del denaro, scarto del valore: bassa la produttività del mio agire economico.

Un brutto affare, appunto. Ancor più brutto se la produttività delle imprese, confliggendo con quella dei consumatori, altera risolutamente l’efficienza dell’ intero meccanismo economico.

Per uscire dall’empasse occorre usare la forza, mettere in campo la potenza di fuoco disponibile ed un po’ di capacità coercitiva. Sfoderare insomma il potere d’ acquisto.

Giust’appunto “Potere”. Se esercitato fa il 60% della crescita, fuori esercizio vanifica le altrui produttività!

Esercitarlo conviene. Lo si può esercitare al meglio contrattando. Magari proprio con quelli dell’high tech per far produrre loro ed acquistare noi quel che basta,”Cip Innovazione”, da inserire nel vecchio Phone. Con quelli dell’industria della medicina stabilire un formato, non più standard, della confezione farmacologica che deve essere misurato invece su ogni specifica patologia. Risprmio io, il SSN, pure meno residuo: tre piccioni con una fava.

Suppergiù lo stesso si può fare con i produttori di merci “usa e getta”. Massì basta acquistare l’usa e riusa: si spende meno, si smaltisce ancora meno.

E via di questo passo a sbirciare e trovare occasioni tra la cose da acquistare. Così s’ha da fare.

Farlo rassoda la produttività, migliora la capacità di spesa; tutto torna chiaro e tondo. Giust’appunto tondo, come il sistema produttivo dove girano insieme chi con un produrre produttivo da’ spinta al ciclo e chi con un consumare altrettanto produttivo rende perpetuo quel girare.

Mauro Artibani

www.youtube.com/embed/EuIbyHel0FM

Annunci

Informazioni su professionalconsumer

Sono Mauro Artibani, l'economaio. studioso dell’Economia dei Consumi, quella che gli accademici non scorgono, le Facoltà di Economia non insegnano. Da 15 anni sviluppo una ricerca al cui centro abita il “Professional Consumer” che sbircia, indaga e intravvede le regole per un capitalismo tutto nuovo. Autore del libro: PROFESSIONE CONSUMATORE Paoletti D´Isidori Capponi, Marzo 2009 Autore del libro: LA DOMANDA COMANDA: VERSO IL CAPITALISMO DEI CONSUMATORI, BEN OLTRE LA CRISI Autore del DECALOGO DEL PROFESSIONAL CONSUMER Ho in corso la redazione del “SILLABARIO DELL’ECONOMIA DEI CONSUMI” testo che riallinea le voci dell’economia al nuovo paradigma della produzione.
Questa voce è stata pubblicata in beni, denaro, Domanda, imprese, mercato, produttività, reddito e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a DUE PRODUTTIVITA’ SONO MEGLIO DI UNA

  1. Pingback: DUE PRODUTTIVITA’ SONO MEGLIO DI UNA | informationzero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...