RICAPITOLANDO LA CRISI

ricapitolando la crisi

Dalle stelle alle stalle e ritorno, ovvero quel che si faceva, quel che non si è potuto più fare, quel che si dovrà tornare a fare.

Quando il sistema produttivo stava a regime, accadeva che i Consumatori, con il loro fare, attribuivano valore alle merci che trovavano al mercato, poi le acquistavano trasformandole in ricchezza; pagando l’Iva finanziavano la spesa pubblica. Non paghi, consumavano l’acquistato; nello smaltirlo finanziavano la spesa pubblica locale con l’ex Tarsu. Pregni di cotanto fare facevano ri-produrre, dando continuità al ciclo e sostanza alla crescita. Se poi, dopo tanto fare, restava in tasca il resto lo si investiva per finanziare gli investimenti.

Mentre tutto questo accadeva, accadeva pure che le Imprese vendevano il prodotto facendo utili, le maestranze lavoravano portando i soldi a casa, lo stato spendeva……tutto filava liscio come l’olio.

Se tanto da’ tanto a tutti perchè non fare di più?

Detto fatto, diventa merce tutto, finanche la sete, la pipì e la sosta*. Già, pure le funzioni fisiologiche messe sul mercato fanno il Pil: tutto a più non posso.

Già, a più non posso fin quando il portafoglio tiene. Quando s’affloscia ed il resto non resta allora si fa debito, che quando è troppo è troppo e si arriva alla fine della fiera.

Così, quando quel portafoglio sgonfio smette di dare agio alla sequenza ordinata di quelle otto azioni di ruolo, siamo tutti, ma proprio tutti, ficcati in un bel guaio: è la crisi bellezza!

Essì, con quel poco, venne il tempo del troppo. E quando è troppo è troppo! Il valore di tutte qelle merci non lo riconosco, ancor meno le acquisto; svalutate, in magazzino si afflosciano svalutando pure il lavoro che le ha prodotte, così pure le risorse messe in campo. E se non c’è trippa per i gatti, figurati per finanziare l’erario e gli investimenti. Si scassa tutto, insomma, aumenta la sovraccapacità, viene ridotta la produzione, ahi Loro pure gli utili; gira meno lavoro e quel che resta pagato meno. Quel che tra le macerie resta rischia di valere un soldo bucato.

Già, proprio il soldo che è mancato per tenere lubrificato quel sistema produttivo, circolare e continuo, dove tutti gli agenti stanno ancora invischiati.

Quel soldo, l’unico, che può lenire le sviste restituendo lo sguardo per tornare a vedere il valore, dare la spinta per riattivare il ciclo e ripristinare pure il valore dell’altrui fare.

Per i Nostri, un vantaggio competitivo che cotanto fare, con quei soldi la spesa, mostra; da mettere a profitto quando si dovrà mettere mano ad una più adeguata allocazione della ricchezza che ancora in giro gira.

Per un nuovo equilibrio, non vaquo, equo. Buono proprio per chi è più equo degli altri.

**Mauro Artibani:”dopo tanto andare a zonzo per fare acquisti, la vita chiede conto con l’arsura. Quella fontanella che gli sta dappresso asciutta, nei pressi frizzanti minerali, impudicamente esposte nel distributore, ammiccano: 2/3 di litro = 1,50 €. Ne beve e da lì a far la pipì il passo è breve, anzi lungo, il wc sta più in là. Lì stanno tutti in fila per pagare prezzo: 0,80 €. Quando torna a prendere l’auto paga la sosta, il tempo dell’acquisto: 2,50 €.”

Dal format: Crisi, trovato il bandolo della matassa.

Mauro Artibani

http://www.alibertieditore.it/?pubblicazione=la-domanda-comanda-verso-il-capitalismo-dei-consumatori-ben-oltre-la-crisi.

Annunci

Informazioni su professionalconsumer

Sono Mauro Artibani, l'economaio. studioso dell’Economia dei Consumi, quella che gli accademici non scorgono, le Facoltà di Economia non insegnano. Da 15 anni sviluppo una ricerca al cui centro abita il “Professional Consumer” che sbircia, indaga e intravvede le regole per un capitalismo tutto nuovo. Autore del libro: PROFESSIONE CONSUMATORE Paoletti D´Isidori Capponi, Marzo 2009 Autore del libro: LA DOMANDA COMANDA: VERSO IL CAPITALISMO DEI CONSUMATORI, BEN OLTRE LA CRISI Autore del DECALOGO DEL PROFESSIONAL CONSUMER Ho in corso la redazione del “SILLABARIO DELL’ECONOMIA DEI CONSUMI” testo che riallinea le voci dell’economia al nuovo paradigma della produzione.
Questa voce è stata pubblicata in consumatori, crescita, crisi, economia, iva, merci, ricchezza, spesa pubblica e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a RICAPITOLANDO LA CRISI

  1. Pingback: RICAPITOLANDO LA CRISI | informationzero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...