AGOSTO, FIDELIZZATORE MIO, TI CONOSCO E TI USO!

agosto fidelizzatore non ti conosco

C’è un’identità tutta propria dell’ Economia dei consumi che è mancata ai sistemi economici precedenti: tutto-quel-che-serve-per-vivere-si-è-fatta-merce.

Non potendoci sottrarre al vivere, tocca acquistarla; tocca farlo pure, però, per farla crescere sta’ benedetta economia.

Altro cardine dell’economia dei consumi: la congenita insufficienza dei redditi a smaltire quanto prodotto.

Il debito, la soluzione. Furbetti del quartierino, di tutte le risme, sono all’uopo apparsi: c’è chi elabora teorie monetarie per renderlo spendibile, alcuni abbassano il costo del denaro, altri lo prendono e lo prestano; altri ancora, e sono i più, lo prendono per vivere e far crescere l’economia.

Tutto bene fin quando salta il tappo e quel credito, diventato debito, smette di fluire.

C’era una volta, insomma, anzi c’erano pseudo denari che surrogavano gli acquisti che facevano la crescita, ora sono meno, molti meno e quella crescita non cresce.

In pieno agosto trovare soluzioni adeguate per riaggiustare il guasto: hem…..

Senza farla troppo lunga e complicata prendiamo al volo quel che offre, tra le pieghe,  il mercato.

Cosa sono le carte fedeltà, i punti regalo, le promozioni ad personam e i cellulari gratis con sim in abbonamento e le cialde del caffè espresso con obbligo contrattuale?

Affiliazioni?

Già, magari per ficcare il cliente dentro relazioni di lunga durata?

Cosa c’è di meglio che incastri di tal fatta se si vuol sottrarre l’impresa al gioco al massacro della competizione che riduce gli utili?

E se si vuol sottrarre l’azienda ai rischi di quegli aumenti di produttività che sfidano il management ad ammortizzare l’accelerato turn over delle merci?

E cosa c’è di meglio per il consumatore, attrezzato professionalmente, che sottrarsi a quelle offerte impudiche dei produttori, per svincolare il loro business dalla concorrenza che contiene i prezzi delle merci e confeziona posizioni di rendita?

E, per esempio, sentire l’obbligo di smarcarsi dai fidelizzatori, acchiappando tutte le carte fedeltà per acchiappare solo quel che conviene?

E mettere a reddito l’opportunità di fidelizzare i fidelizzatori affinché quella vita spesa a fare la spesa torni almeno redditizia?

Eggià, ad agosto fidelizzatore mio io ti conosco e ti uso!

Mauro Artibani

www.professionalconsumer.wordpress.com

 

Annunci

Informazioni su professionalconsumer

Sono Mauro Artibani, l'economaio. studioso dell’Economia dei Consumi, quella che gli accademici non scorgono, le Facoltà di Economia non insegnano. Da 15 anni sviluppo una ricerca al cui centro abita il “Professional Consumer” che sbircia, indaga e intravvede le regole per un capitalismo tutto nuovo. Autore del libro: PROFESSIONE CONSUMATORE Paoletti D´Isidori Capponi, Marzo 2009 Autore del libro: LA DOMANDA COMANDA: VERSO IL CAPITALISMO DEI CONSUMATORI, BEN OLTRE LA CRISI Autore del DECALOGO DEL PROFESSIONAL CONSUMER Ho in corso la redazione del “SILLABARIO DELL’ECONOMIA DEI CONSUMI” testo che riallinea le voci dell’economia al nuovo paradigma della produzione.
Questa voce è stata pubblicata in crescita, economia, economia dei consumi e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...