UNA VECCHIA STORIA VESTITA DI NUOVO

vecchia storia vestita di nuovo

Nell’Europa la crisi si mostra così: si riduce la produzione industriale, oltre 20 milioni di disoccupati, il clima di fiducia dei consumatori nell’Europa sta a -10,9 dicembre 2013. Il debito pubblico, quello che a Maastricht vogliono al 60%, nel 2013 sta all’87,4 e oggi ancor più su.

Buio pesto! Bisogna fare, e presto, qualcosa!

In pompa magna lo dice il presidente designato della Commissione europea Jean-Claude Juncker: Investimenti per 300 miliardi di euro per rilanciare l’economia e creare posti di lavoro. I fondi dovrebbero arrivare dalle risorse di bilancio, dalla Banca europea di investimento e dal settore privato ed essere utilizzati per “banda larga e reti energetiche, infrastrutture nei trasporti, investimenti in istruzione, ricerca e innovazione”.

Eggià, così si fa occupazione e crescita.

Magari ridando spinta alla produzione manifatturiera, quella che darebbe lavoro se non avesse già ridotto la produzione perché sovraccapace.

Già, allora a quella digitale che di lavoro ne da meno, mettendo però altre merci sul mercato?

Possono così quegli sfiduciati, perché disoccupati o per chi lavora, frenati da un  insufficiente reddito, affacciarsi al mercato per acquistare merci ancorchè nuove?

Se poi non si vende, nè si acquista il prodotto, quale prelievo fiscale verrà prelevato per diminuire il debito? Debito, anzi, che dovrà aumentare se si vorrà dare soccorso a quelli che, già sfiduciati, saranno pure alle corde.

Bene, in quel che si mostra non v’è chi non veda come per fare la crescita  si renda indifferibile la pratica dell’acquisto.

Occhio allora Lor Signore d’Europa e agli astanti: la crescita si fa poco con la produzione, molto invece con la spesa; proprio quella spesa che smaltisce quelle sovraccapacità che fa nuovamente produrre, che crea lavoro, occupazione, reddito; che intercetta pure quel prelievo fiscale che riduce il debito.

Se tanto mi da tanto allora quei 300 miliardi, ammesso che si trovino, vanno riallocati magari per remunerare chi, facendo la spesa, può fare quei miracoli.

Mauro Artibani

www.youtube.com/embed/EuIbyHel0FM

Annunci

Informazioni su professionalconsumer

Sono Mauro Artibani, l'economaio. studioso dell’Economia dei Consumi, quella che gli accademici non scorgono, le Facoltà di Economia non insegnano. Da 15 anni sviluppo una ricerca al cui centro abita il “Professional Consumer” che sbircia, indaga e intravvede le regole per un capitalismo tutto nuovo. Autore del libro: PROFESSIONE CONSUMATORE Paoletti D´Isidori Capponi, Marzo 2009 Autore del libro: LA DOMANDA COMANDA: VERSO IL CAPITALISMO DEI CONSUMATORI, BEN OLTRE LA CRISI Autore del DECALOGO DEL PROFESSIONAL CONSUMER Ho in corso la redazione del “SILLABARIO DELL’ECONOMIA DEI CONSUMI” testo che riallinea le voci dell’economia al nuovo paradigma della produzione.
Questa voce è stata pubblicata in consumatori, crescita, crisi, disoccupazione, economia, europa, lavoro, mercato, spesa e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a UNA VECCHIA STORIA VESTITA DI NUOVO

  1. fausto ha detto:

    Il problema del rilancio della spesa è che oggi viviamo in sistema carente di risorse. Bisognerebbe quindi accettare una solida inflazione, ma mi pare che questa volontà non ci sia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...