NOI, QUELLI DEL 60% DEL PIL

noi quelli del Pil

Se la spesa privata, quella delle Famiglie, fa il 60% del Pil beh, che ci piaccia o no, la vita deve essere spesa a fare la spesa: boia chi molla!

Già, chi molla?

Beh, quando il reddito disponibile delle famiglie italiane nel 2013 torna ai livelli di 25 anni fa mollano proprio queste. l’Ufficio Studi di Confcommercio evidenzia che, nel 2013, il reddito disponibile e’ pari a 1.032 miliardi di euro, rispetto ai 1.033 del 1988.

C’è dell’altro, fate mente a quante nuove merci sono arrivate sul mercato dall’88 ad oggi.

Sommate le due cose: lo squilibrio si mostra patente tra quanto abbiamo in tasca e quanto di più si deve acquistare per fare crescere quel cacchio di Pil.

 

Indi per cui poscia, nel 2013 il potere d’acquisto pro capite delle famiglie  si riduce dell’1,3% sull’anno precedente, registrando una caduta complessiva rispetto ai valori pre-crisi del 2007 di quasi il 13%.

Poi c’è il danno collaterale: la tendenza ad assorbire nel risparmio la diminuzione del reddito si è interrotta nel 2013 quando, alla caduta del potere d’acquisto delle famiglie, si è accompagnata una riduzione più marcata della spesa per consumi pro-capite.

Beh, quando Nomisma dice tutto questo non scopre l’arcano, scopre invece l’ovvio.

Ovvio, appunto: senza soldi non si canta messa.

E qui viene il bello.

Essipperchè, nella vita spesa a fare la spesa sta l’affare!

Il meccanismo economico viene tarato su questa regola; quello produttivo, attraverso il quale tutti guadagnano, funziona proprio tenendo al centro quella spesa per la quale si produce, senza la quale non si ri-produce.

Ei, ei, noi siamo gli addetti a quella spesa e quando quella spesa, che fa tutto questo, costa più delle nostre capacità di acquisto, qualcuno dovrà finanziare quel costo.

Qualcuno chi?

Tutti quelli che ci guadagnano. Essì, toccherà guadagnare dal loro guadagno!

Loro, d’altronde, avranno da guadagnare solo se  noi guadagneremo per poter spendere.

Massì! Pressappoco una partita di giro!

Approposito di partite, abbiamo già il 60% di possibilità di vincere il mondiale e possiamo ancora migliorare.

Annunci

Informazioni su professionalconsumer

Sono Mauro Artibani, l'economaio. studioso dell’Economia dei Consumi, quella che gli accademici non scorgono, le Facoltà di Economia non insegnano. Da 15 anni sviluppo una ricerca al cui centro abita il “Professional Consumer” che sbircia, indaga e intravvede le regole per un capitalismo tutto nuovo. Autore del libro: PROFESSIONE CONSUMATORE Paoletti D´Isidori Capponi, Marzo 2009 Autore del libro: LA DOMANDA COMANDA: VERSO IL CAPITALISMO DEI CONSUMATORI, BEN OLTRE LA CRISI Autore del DECALOGO DEL PROFESSIONAL CONSUMER Ho in corso la redazione del “SILLABARIO DELL’ECONOMIA DEI CONSUMI” testo che riallinea le voci dell’economia al nuovo paradigma della produzione.
Questa voce è stata pubblicata in consumatori, crescita, crisi, debito, economia, famiglie, Pil, reddito, spesa e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...