OCCUPATI A SPENDERE PER CREARE OCCUPAZIONE

Man Circling Help Wanted Ads

Risoluto il presidente Giorgio Napolitano: “Viviamo nel contesto di una crisi angosciante e drammatica che impone alle istituzioni, alle forze sociali e alle imprese la messa in atto di efficaci soluzioni per rilanciare l’occupazione e lo sviluppo economico e sociale del Paese”.

 

Papa Francesco non si sottrae: “Fare ogni sforzo per dare nuovo slancio all’occupazione perché questo significa preoccuparsi della dignità delle persone”.

 

Ci mette del suo il cardinale Bagnasco: “Il lavoro è la prima emergenza dell’ Italia, la lama più dolorosa nella carne della gente”

 

Al telefono con Letta pure il presidente Obama si è detto pienamente d’accordo circa l’esigenza di prestare attenzione prioritaria alle politiche volte a fronteggiare la disoccupazione.

 

L’allarme che risuona nelle parole dei Nostri si mostra nei dati dello studio Ires Cgil sulla base di dati Istat. Nel quarto trimestre 2012 l’area della sofferenza e quella del disagio occupazionale, nel complesso, sommano 8 milioni e 750mila persone in età da lavoro (+10,3% sullo stesso periodo del 2011 con 818mila persone in più in difficoltà). Rispetto all’ultimo trimestre del 2007, l’area è cresciuta di 2,8 milioni di persone con un 47,4% in più. L’area della sofferenza occupazionale (disoccupati, scoraggiati e cassa integrati) aumenta di 650mila unità, (+16,6%) arrivando a quota 4 milioni 570mila persone. L’aumento rispetto al periodo pre crisi (ultimo trimestre 2007) è di 1,9 milioni di persone (+70,1%). L’area del disagio (precari e part time involontario), pari nell’ultimo trimestre 2012 a 4 milioni e 175 mila unità, aumenta del 4,2% (+168.000 persone) e del 28,6% rispetto allo stesso trimestre del 2007 (+927.000 unità).

 

Già, Lor Signori ne hanno ben donde nel dire quel che dicono. La mancanza di occupazione genera angoscia, dramma; priva della dignità, infligge dolore.

 

Chiamare a rapporto Istituzioni, forze sociali e Imprese un dovere istituzionale, rispondere un obbligo.

 

Alle istituzioni, per quel che possono, toccherà dare regole al lavoro. Eggià, solo regole, non disponendo di strumenti efficaci per regolare i processi economici, non dispongono lavoro.

 

Le forze sociali sembrano volersi accordare anzi associare; di più, Capitale e Lavoro sono ad un passo da un patto, quello tra i Produttori. Ci sta dentro chi produce l’eccesso di offerta e chi per quell’eccesso lavora: l’unione di due debolezze non fa una forza.

 

Le Imprese, pur esse in mezzo al guado, per continuare a fornire occupazione ai dipendenti dipendono dai redditi sufficienti di quelli che fanno la spesa per acquistare quel che da dipendenti hanno prodotto. Altrimenti….

 

Altrimenti accade quel per cui siamo qui a lagnarci.

 

Già, il problema sta tutto dentro la circolarità di questo processo: ci saranno occupati che lavoreranno per produrre se ci sarà gente occupata a spendere per acquistare quanto è stato prodotto e poi occupati ancora a consumare l’acquistato.

 

Perchè questo avvenga occorre disporre una più idonea allocazione della ricchezza che quel processo genera. Idonea, appunto, a ripristinare l’equilibrio tra reddito e spesa.

 

Eggià, perchè la crescita si fa con la spesa, la spesa con il reddito.

 

Quello stesso reddito buono per generare pure occupazione: cose dell’altro mondo!

 

 

 

Mauro Artibani

 

Studioso dell’Economia dei Consumi

 

www.professionalconsumer.wordpress.com

 

 

 

 

 

Annunci

Informazioni su professionalconsumer

Sono Mauro Artibani, l'economaio. studioso dell’Economia dei Consumi, quella che gli accademici non scorgono, le Facoltà di Economia non insegnano. Da 15 anni sviluppo una ricerca al cui centro abita il “Professional Consumer” che sbircia, indaga e intravvede le regole per un capitalismo tutto nuovo. Autore del libro: PROFESSIONE CONSUMATORE Paoletti D´Isidori Capponi, Marzo 2009 Autore del libro: LA DOMANDA COMANDA: VERSO IL CAPITALISMO DEI CONSUMATORI, BEN OLTRE LA CRISI Autore del DECALOGO DEL PROFESSIONAL CONSUMER Ho in corso la redazione del “SILLABARIO DELL’ECONOMIA DEI CONSUMI” testo che riallinea le voci dell’economia al nuovo paradigma della produzione.
Questa voce è stata pubblicata in crisi, disoccupazione, lavoro e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...