NON TENGO MONETA, UN GUAIO PER TUTTI

non tengo moneta

 

Quando acquisto un abito, acquisto materiale, idee, tecnologia, lavoro: insomma valore. Con la moneta, remunero quel valore trasformandolo in ricchezza. Poi quell’abito lo indosso, lo uso; fatto alla Moda si consuma più in fretta, giustappunto per poterlo riacquistare, e vai col tango. Così il meccanismo gira: si ri-produce, ancora lavoro, si ricrea valore, nuovamente ricchezza ancor più crescita.

Quando faccio questo, insomma, metto in campo risorse produttive indispensabili per il funzionamento del procedimento economico.

Orbene, negli ultimi 15 anni il potere d’acquisto di oltre 6.000.000 di pensionati si riduce del 30%, come dice il Sindacato Pensionati; quando poi ci sono pure quelli che lavorano con stipendi fermi al 1997; altri ancora, più dell’ 11%, che non lavorano e non guadagnano e se c’è pure chi da un lavoro, magari precario o part time, guadagna poco. Se tanto mi da’ tanto, come faccio a fare quel che mi tocca fare per esercizio di ruolo?

Ormale, non acquisto. Quando questo accade il valore di quell’abito invenduto si svaluta, non trova remunero il materiale impiegato, l’idea sviluppata, la tecnologia impiegata, il lavoro agito: niente ricchezza, tanta crisi.

Un momento, sbirciando dentro cotanta crisi si mostra un fatto nuovo: allo svalutarsi del valore di quell’abito acquistano valore le risorse impiegate nel mio esercizio economico che il mercato, liberato dagli anabolizzanti reflattivi, deve prezzare e ancor non prezza.

Una nuova offerta, insomma, per una altrettanto nuova domanda, quella di chi deve smerciare quell’abito.

Che dall’ FMI la Lagarde intenda dire questo quando dice: “ La performance globale debole deriva dai progressi insufficienti nel riequilibrio della domanda globale”?

 

Mauro Artibani

Studioso dell’Economia dei Consumi

www.professionalconsumer.wordpress.com

 

 

Annunci

Informazioni su professionalconsumer

Sono Mauro Artibani, l'economaio. studioso dell’Economia dei Consumi, quella che gli accademici non scorgono, le Facoltà di Economia non insegnano. Da 15 anni sviluppo una ricerca al cui centro abita il “Professional Consumer” che sbircia, indaga e intravvede le regole per un capitalismo tutto nuovo. Autore del libro: PROFESSIONE CONSUMATORE Paoletti D´Isidori Capponi, Marzo 2009 Autore del libro: LA DOMANDA COMANDA: VERSO IL CAPITALISMO DEI CONSUMATORI, BEN OLTRE LA CRISI Autore del DECALOGO DEL PROFESSIONAL CONSUMER Ho in corso la redazione del “SILLABARIO DELL’ECONOMIA DEI CONSUMI” testo che riallinea le voci dell’economia al nuovo paradigma della produzione.
Questa voce è stata pubblicata in abito, lavoro, moda, moneta e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a NON TENGO MONETA, UN GUAIO PER TUTTI

  1. pokatesta ha detto:

    I vincoli alla stabilità, e la mancanza di autonomia nell’emissione monetaria, impediscono agli Stati in crisi (penso ovviamente all’Italia) di stampare valuta, ad esempio per i pagamenti dovuti alle imprese in credito. Se ciò potesse avvenire, da un lato creerebbe certamente inflazione, che se gestita con un attento controllo, avrebbe un effetto diretto sulla ripresa dei consumi. Un altro effetto sarebbe una svalutazione dell’Euro, con il vecchio effetto di recupero di competitività cui ricorreva la Lira. Purtroppo ciò non è ammissibile e costringe i Paesi in crisi al circolo vizioso della compressione della domanda interna. Mi pare che la nuova domanda, cui lei fa riferimento, tenda a produrre una compressione dei margini per le aziende e uno spostamento dei consumi verso il low-price, con una perdita di importanza dei valori della qualità intrinseca e di marca. Ciò va contro il modello di successo del made in Italy qualificato, che premia la cura nel prodotto e il fascino dell’immagine-paese, comprimendone l’attrattività proprio nel mercato interno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...