VENDO L’ANIMA PER L’IMU! TACI TU, CI PENSO IO!

imu

 

Eliminare l’IMU, restituire il maltolto.

Lui dice questo, nel dirlo imprime una direzione al dibattito elettorale. Pone le questioni come più gli aggrada, agli altri concorrenti non resta che inseguire.

Beh, se s’ ha da correre per l’ Imu c’è chi si dice pressappoco d’accordo per toglierla, chi intende ridiscutere i meccanismi per ripartire meglio gli oneri, finanche chi si dice disposto a ridurne le aliquote.

Si, insomma, tolgo l’ Imu; taci tu, lo faccio io.

Andiamo a ficcare il naso tra i fatti: la questione in questione è uno spezzone della questione economica per uscire dalla crisi?

Già, con l’annullare, modificare, ridurre quella tassa, fatta per fare cassa, si intende rimettere i soldi in tasca a chi spende.

Essipperchè tutti questi Lorsignori devono aver scorto che a partire dal 2007 il reddito medio pro capite delle famiglie è sceso ai livelli del 1993: -0,6% in termini reali tra il 1993 e il 2011. Negli ultimi dieci anni la ricchezza finanziaria netta è passata da 26.000 a 15.600 euro a famiglia, con una riduzione del 40,5%.

Già, dal 93 ad oggi, i nostri però non sembrano aver scorto quante merci e servizi si siano aggiunte a quelle già sul mercato: soddisfatti i bisogni sono arrivati prodotti per soddisfare emozioni, passioni, pure esperienze. Tutto-quel-che-serve-per-vivere si è fatto servizio. Sono servizi pure quelli per fare pipì, pupù, dissetarsi, sostare, si pagano pure.

Tra scorto e non scorto sta il quid. Si è creata insomma una enorme disparità tra reddito disponibile e spesa da sostenere che solo il debito erogato in tutte le salse ha tentato di colmare.

Quando il debito ha fatto sboom, la disparità ha fatto sdong: la crisi sta tutta qui!

La politica faceta non trova meglio da fare che restituire quel maltolto dell’Imu mettendo nelle tasche di chi deve spendere l’iperbolica cifra di 206 euro per le famiglie, quelle benestanti e quelle malestanti, per sanare quella disparità e poter spendere a iosa.

Dannazione, la regola aurea per uscire dalla crisi recita altro: tutto quel che viene prodotto deve essere consumato. Perchè questo si faccia, occorrono risorse di reddito adeguate alla bisogna nelle tasche di chi deve acquistare, non briciole.

Così si può ottimizzare l’impiego di tutte le risorse produttive; così si genera ricchezza senza se, senza ma.

 

Mauro Artibani

www.professionalconsumer.wordpress.com

www.professioneconsumatore.org

 

 

 

Annunci

Informazioni su professionalconsumer

Sono Mauro Artibani, l'economaio. studioso dell’Economia dei Consumi, quella che gli accademici non scorgono, le Facoltà di Economia non insegnano. Da 15 anni sviluppo una ricerca al cui centro abita il “Professional Consumer” che sbircia, indaga e intravvede le regole per un capitalismo tutto nuovo. Autore del libro: PROFESSIONE CONSUMATORE Paoletti D´Isidori Capponi, Marzo 2009 Autore del libro: LA DOMANDA COMANDA: VERSO IL CAPITALISMO DEI CONSUMATORI, BEN OLTRE LA CRISI Autore del DECALOGO DEL PROFESSIONAL CONSUMER Ho in corso la redazione del “SILLABARIO DELL’ECONOMIA DEI CONSUMI” testo che riallinea le voci dell’economia al nuovo paradigma della produzione.
Questa voce è stata pubblicata in crisi, famiglie, reddito e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...