CRISI, OCCORRONO NUOVE IMPRESE?

 

L’ultima peripezia economica che si tenta di mettere in campo per contrastare la crisi recita: occorre reindustrializzare l’America. Lo dice il Presidente Obama.

Da noi ci si accoda: occorre allargare la base produttiva. Bersani, spronato da attempati economisti, lo predica.

Ci risiamo, il solito mantra: quando i Produttori producono generano lavoro, occupazione, ricchezza; se si potenzia quella produzione si riprende a crescere: tocca, insomma, creare nuove Imprese.

Questo si dice, anzi si spera.

Già, ma che tocchi reindustrializzare, proprio quando il mercato espone un eccesso di offerta ed un difetto di domanda, manco i mantriani ci credono.

Scettico pure Richard Fisher, responsabile della Federal Reserve di Dallas: “La verità è che alla Fed nessuno sa realmente che cosa stia frenando l’economia. Nessuno sa veramente che cosa serva per rimettere in carreggiata la congiuntura”.

Essipperchè quando al mercato si mostra come la crescita economica renda l’esercizio del consumo una pratica indifferibile, proprio quel vecchio mantra non raccapezza i fatti.

Proviamo a cambiare la “diceria”; spostiamo il punto di vista da cui osservare i fatti economici.

Una diceria nuova di zecca: i Consumatori, giustappunto quelli obbligati, con l’acquisto trasformano la merce in ricchezza, consumando l’acquistato forniscono l’input per nuovamente produrre, quindi nuovo lavoro, occupazione, reddito; danno continuità al ciclo, sostanza alla crescita.

Quando però quel reddito, erogato dalle Imprese a chi lavora alla produzione, si mostra insufficiente ad acquistare quanto è stato prodotto il processo economico si impalla, le merci restano in magazzino a svalutarsi.

Se, in barba a quanto ci si ostina a credere, mediante l’esercizio del consumo si innesca quel virtuoso tragitto in grado di generare lavoro, occupazione e reddito, di una siffatta Impresa c’è bisogno.

Consumatori, insomma, che fanno impresa per fare offerta della merce più appetibile dal mercato: la domanda.

Acquistata da chi ha necessità di svuotare quei magazzini retribuisce chi, per ruolo, acquista affinchè acquisti.

Di tale Impresa la politica deve farsi sponsor, da una base produttiva di tal fatta occorre ripartire per riattivare il ciclo economico.

 

Mauro Artibani

Studioso dell’Economia dei Consumi

www.professionalconsumer.wordpress.com

Annunci

Informazioni su professionalconsumer

Sono Mauro Artibani, l'economaio. studioso dell’Economia dei Consumi, quella che gli accademici non scorgono, le Facoltà di Economia non insegnano. Da 15 anni sviluppo una ricerca al cui centro abita il “Professional Consumer” che sbircia, indaga e intravvede le regole per un capitalismo tutto nuovo. Autore del libro: PROFESSIONE CONSUMATORE Paoletti D´Isidori Capponi, Marzo 2009 Autore del libro: LA DOMANDA COMANDA: VERSO IL CAPITALISMO DEI CONSUMATORI, BEN OLTRE LA CRISI Autore del DECALOGO DEL PROFESSIONAL CONSUMER Ho in corso la redazione del “SILLABARIO DELL’ECONOMIA DEI CONSUMI” testo che riallinea le voci dell’economia al nuovo paradigma della produzione.
Questa voce è stata pubblicata in consumatori, crisi, imprese, lavoro, produzione e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a CRISI, OCCORRONO NUOVE IMPRESE?

  1. fausto ha detto:

    Tempi bui quelli dell’olio costoso. Immagino che in realtà alla Fed sappiano benissimo cosa è accaduto: e d’altronde come raccontarlo senza farsi linciare?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...