IL RICATTO DELLA TERRA CI SALVERA’

 

Gulp: Entro il 2012 rischia il fallimento un’impresa su tre.

A questa conclusione arriva uno studio di Unimpresa che ha analizzato i dati sulle sofferenze bancarie.

L’Ansa riferisce: L’analisi focalizza la “probabilita’ di ingresso in sofferenza entro l’arco di un anno”. Viene stimata attraverso una metodologia statistica che utilizza indicatori desunti dal bilancio dell’impresa e dalle segnalazioni delle banche alla Centrale dei rischi.

Santi numi, un processo di de-industrializzazione inaudito: 1/3  in meno di prodotti alimentari, lo stesso per abbigliamento, mobilità, comunicazione, informazione e chissà quant’altro ancora.

Gia, quant’altro ancora: meno produzione, meno occupazione, meno lavoro, meno acquisti e la crisi si avviterà ancor di più.

Maledetti Produttori?

Macchè, questi producono se vendono il già prodotto, altrimenti chiudono!

Allora, maledetti Consumatori?

Macchè, questi possono acquistare se non dispongono di salari e stipendi insufficienti?

Un bel casino, anzi due!

Essipperchè, se questi sono i fatti poi ci sono le interpretazioni: al mercato verrà a ridursi l’offerta di pane, pasta, acqua, vino, verdura, vestimenti, divertimenti e, per l’amor di Dio mi fermo qui.

Se mancano i denari per acquistare questo ed altro le Imprese smetteranno di produrle toccherà stare su questa terra gnudi ed affamati?

Niente affatto: non più prodotte quelle merci occorrerà tornare a produrle; occorrerà riacquisire quella perizia, già data in comodato d’uso ai Produttori,  poi: terra, terra!

Già, un pezzo di terra, zappata e coltivata darà uva, grano, cereali; vi pascola un mucca, qualche gallina becca, tre pecore ed un porco fanno quel che sanno.

Mescitando ben bene il tutto avremo latte, vino, pane, frittate, carne, salumi, prosciutti; cuoio per fare scarpe, lana che filata diverrà stoffa poi abito.

Giacchè ci abito e ci lavoro avrò meno bisogno di spostarmi tanto con la rete posso andare oltre pur restando lì.

Tutto questo lavoro Occupa, dall’alba al tramonto; Retribuisce pure: mangio, bevo, mi calzo, mi vesto. Sazio, scambio quel che più ho con quel che mi serve. Eggià, meno dipendente dal denaro.

Vita grama?

Oddio, per alcuni buona a malapena per sopravvivere; per i secondi, l’eden cercato, ritrovato.

I primi non ci stanno, non si accontentano del meno, vogliono di più.

Vogliono un mercato finalmente liberato dai trucchi reflattivi  .

Lo  reclamano, anzi vanno dritti al sodo: se non vendete l’offerta, con quel che vi resta, potrete acquistare la domanda, l’unica merce scarsa al mercato. Farà guadagnare noi per poter tornare a spendere e voi a vendere!

Due opzioni, insomma, distinte e distanti da mettere sul tavolo e contrattare: dar retta ai quei di portatori di suggestioni neoromantiche o seguire i suggerimenti di quegli sfrontati pragmatisti?

Gli Esercenti a quel tavolo dovranno ben scegliere per tornare ad esercitare l’Impresa.

A buon intenditor, poche parole.

 

Mauro Artibani

www.professionalconsumer.wordpress.com

www.professioneconsumatore.org

 

 

Annunci

Informazioni su professionalconsumer

Sono Mauro Artibani, l'economaio. studioso dell’Economia dei Consumi, quella che gli accademici non scorgono, le Facoltà di Economia non insegnano. Da 15 anni sviluppo una ricerca al cui centro abita il “Professional Consumer” che sbircia, indaga e intravvede le regole per un capitalismo tutto nuovo. Autore del libro: PROFESSIONE CONSUMATORE Paoletti D´Isidori Capponi, Marzo 2009 Autore del libro: LA DOMANDA COMANDA: VERSO IL CAPITALISMO DEI CONSUMATORI, BEN OLTRE LA CRISI Autore del DECALOGO DEL PROFESSIONAL CONSUMER Ho in corso la redazione del “SILLABARIO DELL’ECONOMIA DEI CONSUMI” testo che riallinea le voci dell’economia al nuovo paradigma della produzione.
Questa voce è stata pubblicata in consumatori, Domanda, imprese, occupazione, offerta, produzione e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...