W L’IVA

Liberazione dal bisogno. E’ accaduto perché invece di cibarmi ingrasso, invece di abbigliarmi vesto alla moda, per andare da qui a lì acquisto un Suv.

Gaudio!

Da questo affrancamento Produzione e Consumo hanno ricavato opportunità straordinarie.

La fine della penuria per Noi,  per Loro l’inizio della Produzione per il consumo. Per Noi la liberazione dalla necessità, per Loro l’apertura alla produzione dell’ “inutile”.

Tutti soddisfatti : Abbienti Noi, Gongolanti Loro .

Loro a produrre profumi, abiti, libri, automobili, terminali multimediali.

Noi ad acquistare bellezza, fascino, sapere, velocità, polisensorialità: un bel guadagno!

Loro vendono merci, Noi acquistiamo passioni, emozioni, sogni e chissà quanto altro ancora.

Un consenso straordinario sostiene tutto questo: chi è fuori dal gioco per giocare ha abbattuto  muri; altri si infilano clandestinamente dentro i nostri confini.

Poi, a forza di acquistare, non riusciamo più a risparmiare anzi ci si indebita; per smaltire gli eccessi si inquina, continuando si allarga il buco nell’ozono.

Basta. Essipperchè, passi per il mancato risparmio che non ci  consentirà di integrare la magra pensione; l’inquinamento si può relegare a problema etico infischiandocene; per il buco nell’ozono troppo grande non si ha la toppa per il rammendo.

Per il debito  no.

Gli interessi su quel debito possono alterare risolutamente il rapporto qualità/prezzo delle merci e questo risulta, per un Professional Consumer, francamente inaccettabile: dobbiamo ribellarci!

Siamo tanti, praticamente tutti. La liberazione dal bisogno ci consegna una forza d’urto senza precedenti: non ci prenderanno per fame.

La produzione della ricchezza, per il 70%, è appannaggio della nostra azione di Consumo.

Siamo in grado di reclamare il Potere senza se, senza ma: El Consumidor unido jamàs sera vencido.

Rivoluzione!  Democratica, moderata, liberale ma rivoluzione.

Dobbiamo riequilibrare i ruoli, redistribuire i redditi; pretendere una moratoria sul Debito da Consumo; dare valore legale al titolo di Professional Consumer.

L’indifferibilità del consumo per la crescita economica ne fa un lavoro che occorre assumere come vincolo costituzionale. Riformare l’istruzione scolastica dei giovani, al fine di dotarli di un conveniente Capitale Umano, una necessità. Un’idonea dotazione di Capitale Sociale, come contributo alla  produttività del Sistema, un obbligo.

Si ritiene indispensabile infine rivendicare capacità impositiva. Si.  W l’iva.

Quell’ Imposta per retribuire il Valore Aggiunto, il Nostro, quello creato dalle nostre azioni di Consumo/Lavoro per confezionare la crescita che Loro, quelli della Produzione, dovranno finalmente sborsare per restituire  a Cesare quel che è di Cesare.

Solo così rifocillati potremo tornare a spendere per generare ricchezza. Interessati, Portatori di Interesse, torna conveniente farci carico della riqualificazione dell’ambiente.

Eggià, un ambiente consumato non possiamo consumarlo!

 

N.B: Per non creare allarme sociale, per non scandalizzare i benpensanti si ritiene opportuno sostituire al desueto “rivoluzione” la politically correct dicitura “occorre la lobby dei consumatori, quella più forte di tutte le altre”. Questa soffiata viene da una fonte insospettabile: il già presidente dell’Autorità  Garante della Concorrenza e del Mercato, oggi sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Antonio Catricalà.

 

Mauro Artibani

Per approfondire il tema trattato: PROFESSIONE CONSUMATORE

Paoletti D’Isidori Capponi Editori

Marzo 2009

www.professionalconsumer.wordpress.com

www.professioneconsumatore.org

 

 

 

Annunci

Informazioni su professionalconsumer

Sono Mauro Artibani, l'economaio. studioso dell’Economia dei Consumi, quella che gli accademici non scorgono, le Facoltà di Economia non insegnano. Da 15 anni sviluppo una ricerca al cui centro abita il “Professional Consumer” che sbircia, indaga e intravvede le regole per un capitalismo tutto nuovo. Autore del libro: PROFESSIONE CONSUMATORE Paoletti D´Isidori Capponi, Marzo 2009 Autore del libro: LA DOMANDA COMANDA: VERSO IL CAPITALISMO DEI CONSUMATORI, BEN OLTRE LA CRISI Autore del DECALOGO DEL PROFESSIONAL CONSUMER Ho in corso la redazione del “SILLABARIO DELL’ECONOMIA DEI CONSUMI” testo che riallinea le voci dell’economia al nuovo paradigma della produzione.
Questa voce è stata pubblicata in bisogno, consumo, economia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...